Contagio da legionella, nuovi casi sospetti

Alcuni casi di contagio dal batterio sono ancora in fase di accertamento, mentre i ricoveri attestati sono poco meno di una cinquantina

0
Allarme legionella in provincia di Brescia
Allarme legionella in provincia di Brescia

Sono ancora in corso gli accertamenti per chiarire le cause dell’epidemia di polmonite che sta colpendo il territorio bresciano.

In questi giorni gli accessi ai Pronto soccorso degli ospedali di Brescia e Mantova sono diminuiti, ma ieri ve ne sono comunque stati registrati più di 15, con 12 nuovi ricoveri.

I casi di contagio da legionella si attestano invece a 43, con quattro persone che erano state ricoverate in condizioni gravi ma che ora sono in via di miglioramento.

Nell’elenco dei casi ancora da chiarire si aggiungono tre amici che qualche settimana fa erano andati a pescare in un laghetto artificiale ad Acquafredda. Sotto osservazione in un ospedale di Mantova vi è invece una donna di 60 anni di Asola: il suo caso è sospetto.

L’ultimo accertato, invece, è quello di un 30enne di Calcinato che lavora in un supermercato a Montichiari.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome