Aler, termina l’era Isacchini: Massa e Della Torre in corsa per la successione

Il suo incarico ai vertici dell'agenzia per la casa è durato per ben 14 anni: ora a contendersi il ruolo sono Lega e Forza Italia

2
Ettore Isacchini
Ettore Isacchini

E’ terminato oggi il mandato di Ettore Isacchini alla guida dell’Aler di Brescia. Un incarico durato per ben 14 anni. Isacchini, classe 1944, è originario di Monte Isola ed è stato esponente di spicco prima della Democrazia Cristiana e poi di Forza Italia: nella vita è stato sindaco di San Felice del Benaco (1975-1980) e presidente di diversi enti, tra cui l’istituto Zooprofilattico.

Ora è iniziato il totonomi per l’incarico, prestigioso e delicato: in pole position ci sarebbe il sindaco di Gottolengo Giacomo Massa, esponente di Forza Italia e fedelissimo di Mariastella Gelmini. L’alternativa sarebbe Corrado Della Torre, storico esponente del Carroccio che è attualmente il presidente della Gesi, controllata dalla stessa Aler.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Al curriculum manca la “perla” della sua atività da Assessore alla Sanità della Regione Lombardia negli anni ’80: di tutto e di più, basta leggere le cronache, soprattutto giudiziarie, di quegli anni (vedasi scandalo Lombardia Informatica). Forza Italia è stato anche il partito della ripulitura, del riciclaggio e del rilancio politico di personaggi non propriamente limpidi, democristiani e socialisti su tutti. Alla reverenda età di 75 anni anche il buon Emidio Ettore sembrerebbe pensionabile. Sembrerebbe…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome