Polmoniti, la causa è in una forma di legionella più rara?

L'epidemia non accenna a fermarsi, ma nel contempo continuano le analisi dei tecnici alla ricerca delle fonti di contagio

1
Allarme legionella in provincia di Brescia
Allarme legionella in provincia di Brescia

L’Asl ha smesso di diffondere ai giornali i dati sui nuovi casi di legiolella e di polmonite registrati in provincia di Brescia. Ma l’epidemia non accenna a fermarsi e nel contempo continuano anche le analisi dei tecnici alla ricerca delle fonti di contagio. E una svolta potrebbe essere finalmente vicina.

Secondo quanto pubblicato dal quotidiano Bresciaoggi, infatti, in alcuni pazienti sarebbe stato riscontrato lo stesso tipo di legionella trovato nelle torri di raffreddamento delle due aziende di Carpenedolo e Calvisano. Non il sierogruppo 1, responsabile di nove casi su dieci in Italia, ma il sierogruppo 2-14, molto più raro. Solo indiscrezioni, per ora, che però potrebbero imprimere una nuova direzione alle indagini della autorità sanitarie.

I CONSIGLI PER EVITARE IL CONTAGIO DA LEGIONELLA

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome