La polmonite continua a far paura: un’altra morte sospetta nella Bassa

Le autorità sanitarie stanno cercando di fare chiarezza anche su decesso di un 76enne deceduto all'ospedale di Montichiari lo scorso settembre

2
Analisi di laboratorio
Analisi di laboratorio

L’Ats di Brescia ha smesso di divulgare i dati delle persone contagiate, che comunque rimangono ben oltre 600. Ma l’epidemia di polmonite che da settimane sta colpendo la provincia di Brescia – in particolare la Bassa e l’Est – continua a far paura.

Il bilancio è di almeno due morti accertate. Ma ora si aggiungono i dubbi su un nuovo caso, avvenuto ad Acquafredda. Le autorità sanitarie, infatti, stanno cercando di fare chiarezza anche su decesso di un 76enne deceduto all’ospedale di Montichiari lo scorso settembre.

L’uomo, pare, era stato ricoverato per una polmonite, ma le sue condizioni si sono velocemente aggravate fino al decesso. In questo caso, comunque, non dovrebbe c’entrare nulla il batterio della legionella, individuato come agente soltanto in un dieci per cento delle persone colpite.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome