Piumini firmati non autorizzati: maxi sequestro da 350mila euro

La titolare dell'attività è stata denunciata per ricettazione, frode in commercio e per aver introdotto e commercializzato nello Stato prodotti con segni falsi

0

È continua e costante l’attività dei carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Brescia nel controllo del territorio.

Una nuova operazione condotta dai militari in un laboratorio di confezionamento a Montichiari ha portato al sequestro di un centinaio di giacche e piumini firmati e a più di 150 mila accessori tra bottoni ed etichette utili al confezionamento di capi di abbigliamento.

Non si è trattato, però, di merce contraffatta. In questo caso la merce posta sotto sequestro dai carabinieri era originale, ma la donna titolare dell’attività, una persona di nazionalità italiana, non è risultata in possesso dell’autorizzazione dell’azienda produttrice dei capi al confezionamento.

La donna è quindi stata denunciata per ricettazione, frode in commercio e per aver introdotto e commercializzato nello Stato prodotti con segni falsi.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome