Auto travolta dal treno: era stata abbandonata appena in tempo?

Interamente distrutto, il veicolo - una Renault Megane station wagon - è stato trascinato dal convoglio per diverse decine di metri, forse un centinaio, in direzione di Edolo

0
Auto ferma sulle rotaie travolta da un treno, foto dei Vigili del fuoco
Auto ferma sulle rotaie travolta da un treno, foto dei Vigili del fuoco

Quando è scattato l’allarme, attorno alle 20 di ieri sera, i sanitari della Croce Rossa di Palazzolo, gli agenti della Polfer di Brescia e i Vigili del fuoco si sono precipitati sul luogo ma sull’automobile che si trovava sui binari non vi era nessuno.

È il primo degli aspetti misteriosi della vicenda avvenuta poco distante dalla stazione di Borgonato-Adro, in territorio di Corte Franca, dove un treno della linea Brescia-Iseo-Edolo ha travolto in pieno un’auto.

Interamente distrutto, il veicolo – una Renault Megane station wagon – è stato trascinato dal convoglio per diverse decine di metri, forse un centinaio, in direzione di Edolo, tanto che le lamiere della carrozzeria si sono completamente accartocciate.

Dotato anche di un seggiolino per bimbi, il mezzo aveva il freno a mano tirato e le chiavi ancora inserite nel quadro.

Il treno era diretto in Valcamonica. L’incidente non ha provocato nessun disagio ai treni in transito verso Brescia, anche se l’auto si trovava proprio in mezzo ai binari della linea opposta.

Sull’episodio stanno indagando gli inquirenti, che pare abbiano già scoperto che il veicolo fosse stato rubato. Secondo alcune indiscrezioni, pare che solo poco tempo prima il proprietario dell’automobile – un uomo residente a Corte Franca – si fosse recato dai Carabinieri per denunciarne il furto.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome