Brescia, domenica la Croce bianca ricorda i propri “militi”

La Presidente Umberta Salvadego accoglierà i militi in divisa bianca e le autorità dalle 9 di domenica. Sarà l’inno d’Italia a salutare i presenti

0
La Croce bianca di Brescia, foto da Facebook
La Croce bianca di Brescia, foto da Facebook

Domenica 18 novembre, dalle ore 9, nell’auditorium San Barnaba, storica sede dell’istituzione, si terrà l’evento “Birxiana mente succurrit Novembre 2018”.

La Croce Bianca di Brescia, fondata nel 1890 da Tullio Bonizzardi, cittadino emerito il cui busto è tra i bresciani illustri dei giardini di Rebuffone, organizza la cerimonia in ricordo dei propri “militi”, dell’impegno per la città e delle sue sofferenze e consegnerà un riconoscimento a chi per volontariato e vocazione ha da poco iniziato e a chi offre il suo impegno senza pensare agli anni che passano con sempre rinnovato entusiasmo.

La Presidente Umberta Salvadego accoglierà i militi in divisa bianca e le autorità dalle 9 di domenica. Sarà l’inno d’Italia a salutare i presenti ma sarà anche la lettura dell’Atto di Fede, un testo storico del 1922 e per nulla comune di laica carità che ogni milite deve leggere nel giorno della sua entrata nella associazione e che nelle occasioni ufficiali viene ripetuto per ricordare a tutti il senso profondo di rispetto e di impegno che anima un pezzo rilevante, insostituibile nel bisogno, del civismo bresciano.

Sarà poi il suono della tromba con il Silenzio Fuori Ordinanza in memoria di chi è rimasto con noi nello spirito a ricordare come sin dalle origini non si è solo soccorritori ma, nella tradizione secolare, “militi” divisi in squadre con mezzi che vanno dalla antica carrozzella volante dei primi del secolo alle ambulanze, alle motociclette e alle biciclette attrezzate. Sarà l’occasione per le autorità bresciane di poter consegnare una testimonianza e un ricordo oltre ad altri in particolare aI 25 militi con oltre 40 anni di vocazione a “aiuta e soccorri senza nulla chiedere”

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome