Brescia Calcio, Cellino alla Gazzetta: obiettivo serie A nel 2020

Su Tonali e il paragone con Pirllo. "Si assomigliano fisicamente, per il resto sono diversi: Pirlo alla sua età giocava più avanti, poi Ancelotti gli ha cambiato ruolo. Sandro ha grandi doti di equilibratore e credo farà il percorso inverso"

1
L'ex presidente del Cagliari Massimo Cellino
Massimo Cellino

L’obiettivo? E’ arrivare in serie A entro il 2020. A dirlo, in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, è il presidente del Brescia Massimo Cellino.

MODELLO ATALANTA, MA NON ABBIAMO COMPLESSI

“L’Atalanta resta un modello – spiega l’imprenditore sardo – Ho dovuto ricostruire il vivaio affidandolo a una persona di valore come Christian Botturi. So come cercare e costruire i giovani. Ma non c’è un complesso di inferiorità nei loro confonti: arriveremo al loro livello, il traguardo è salire in A al terzo anno, quindi nel 2020. Mi considero un imprenditore del calcio a tempo pieno. Ma ho una certa età e non ho più voglia di buttare via soldi”.

SANDRO TONALI: ANDREA PIRLO? NO, O’NEILL

Nella stessa intervista, Cellino è quindi tornato sul tema Sandro Tonali, il giovane centrocampista – paragonato da molti ad Andrea Pirlo – recentemente convocato dalla nazionale maggiore e oggetto del desiderio di numerose big. Pirlo?”, ha detto il presidente del Brescia Calcio, “Si assomigliano fisicamente, per il resto sono diversi: Pirlo alla sua età giocava più avanti, poi Ancelotti gli ha cambiato ruolo. Sandro ha grandi doti di equilibratore e credo farà il percorso inverso: tra qualche anno giocherà trequartista. E’ formato dal punto di vista muscolare e ha il senso del gol. Mi ricorda O’Neill che dal Cagliari è poi passato alla Juve. Fabian ha avuto la carriera rovinata dall’alcol, Sandro è un 18enne con la testa da adulto: temo sarà difficile tenerlo in caso di mancata promozione, ma non c’è solo lui. Abbiamo altri giocatori interessanti: Cistana, Spalek, Bisoli. Non vorrei perderli tutti”.

RIGAMONTI E NUOVO STADIO DEL BRESCIA

Infine, sulla questione del nuovo stadio, Cellino ha detto che “non è una priorità, anche se è vecchio e scomodo”. “Conoscevo Brescia solo attraverso il Rigamonti”, ha aggiunto, “e mi aspettavo che la città fosse altrettanto brutta. Invece è meravigliosa e meriterebbe uno stadio decoroso. Va demolito e rifatto”.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome