Referendum, il M5S: c’è poco da interpretare, l’acqua resti pubblica

A esprimere la linea del M5S sono i portavoce M5S bresciani Claudio Cominardi (sottosegretario per il Lavoro e le Politiche sociali), Vito Crimi (sottosegretario per l’Informazione e l’Editoria), Dino Alberti (Consiglio regionale della Lombardia)

0
Il deputato del Movimento 5 Stelle Claudio Cominardi
Il deputato del Movimento 5 Stelle Claudio Cominardi

“C’è poco da interpretare. Si convochi l’Assemblea dei sindaci e si sancisca una volta per tutte la gestione totalmente pubblica del servizio idrico”.

Questa la posizione del MoVimento 5 Stelle bresciano “a fronte del 96,68% dei votanti che si sono dichiarati a favore di un gestore interamente pubblico“. A esprimere la linea del M5S – rispondendo anche alla presa di posizione del presidente di Acque bresciane Gianlucaa Delbarba – sono i portavoce M5S bresciani Claudio Cominardi (sottosegretario per il Lavoro e le Politiche sociali), Vito Crimi (sottosegretario per l’Informazione e l’Editoria), Dino Alberti (Consiglio regionale della Lombardia) e i portavoce eletti nei Consigli comunali della provincia, che giudicano “ottimo” l’esito della consultazione.

“Il referendum del 201 è stato ignorato e calpestato per sette anni. Il palese disprezzo verso l’espressione popolare ha convinto molti cittadini che votare fosse del tutto inutile. Questo contribuisce a rendere ancora più significativo il fatto che 216 mila cittadini si siano recati alle urne per ribadire un concetto già chiaro nel 2011: sull’acqua non si lucra”, afferma il sottosegretario Cominardi.

“Nonostante i tempi stretti, gli svariati tentativi di boicottaggio – continua il comunicato – le posizioni di comodo di partiti che durante la campagna referendaria non hanno mosso nemmeno un dito, nonostante la nulla o scarsa informazione da parte di molti sindaci e Amministrazioni comunali, questa battaglia ha portato a un esito per nulla scontato. Un risultato che dev’essere onorato da chi ama democrazia e beni comuni non solo a parole, ma attraverso i fatti”.

In chiusura Cominardi respinge “i tentativi di interpretazione e strumentalizzazione”: “Attribuire una posizione politica ai cittadini non votanti è grave, a nessuno dev’essere concesso di farlo”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome