Caso auto di servizio, Mottinelli: amareggiato, ma ho fiducia nei giudici

L'ex presidente della Provincia, rinviato a giudizio, si difende dall'accusa di peculato per l'utilizzo dell'auto nei suoi spostamenti

0
Pier Luigi Mottinelli
Pier Luigi Mottinelli

“Voglio esprimere la mia amarezza , al contempo ripongo piena fiducia nella giustizia , dopo la decisione odierna del Giudice delle Indagini preliminari di disporre il mio rinvio a giudizio al 10 Gennaio, per l’accusa di avere usato l’auto di servizio, che la Provincia mi ha messo a disposizione per svolgere l’attività istituzionale, ad uso esclusivo e personale”. A scriverlo, con una lunga nota pubblicata su Facebook, è stato pochi minuti fa l’ex presidente della Provincia Pier Luigi Mottinelli (Pd).

“La decisone dell’Amministrazione Provinciale – ha aggiunto – è stata improntata al rispetto delle norme che disciplinano gli Enti Locali e al Regolamento Provinciale, oltre che nell’indirizzo di sobrietà che ci siamo dati dall’inizio del mandato amministrativo, con la riduzione del numero di auto di servizio e di autisti, coerenti con il nuovo corso dell’Amministrazione Provinciale. Nel rispetto del lavoro della Procura e dei Giudici, nella forte convinzione dei fatti incontrovertibili esposti dai miei difensori, che ringrazio, affronto la prossima udienza con rafforzata convinzione nella verità dei fatti. Fare il Presidente della Provincia è stato un onore, che ho svolto con fatica e impegno. Ne sono orgoglioso – conclude Mottinelli – Anche se la gratuità mi è costata… e… anche se abito a Vione”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome