Unesco, i muri a secco inseriti nel patrimonio dell’umanità

Lo ha annunciato l'organizzazione in un post sul profilo Twitter congratulandosi con gli 8 paesi europei che avevano presentato congiuntamente la candidatura

0
Muro a secco, foto genericaMuro a secco, foto generica
Muro a secco, foto generica

La tecnica di fabbricazione dei muretti a secco, pratica molto diffusa nel mondo rurale bresciano, è stata inserita nella lista del Patrimonio mondiale immateriale dell’umanità dell’Unesco.

Lo ha annunciato l’organizzazione in un post sul profilo Twitter  congratulandosi con gli 8 paesi europei che avevano presentato congiuntamente la candidatura: Croazia, Cipro, Francia,Grecia, Italia, Slovenia, Spagna e Svizzera. Si tratta di uno dei primi esempi di manifattura umana ed è presente in tutte le culture del pianeta. Viene adottato per fini abitativi ma anche agricoli, come per i terrazzamenti dei pendii scoscesi.

La lista del Patrimonio mondiale immateriale – lo ricordiamo – non si basa su criteri di esclusività, ma vuole valorizzare le attività delle comunità. Comprende ad oggi 409 elementi (tra cui anche la pizza…), 10 dei quali aggiunti nel 2018.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome