Ladri-addetti tentano furto in casa, la nipote va in soccorso del nonno

Due trentenni sono riusciti ad entrare in un'abitazione e a frugare nei cassetti senza alcuna difficoltà ma uscendone a mani vuote, poi sono stati arrestati e processati

0
anziano
Anziani, foto generica

Questa volta gli è andata bene, ma non troppo. Sono riusciti ad entrare in un’abitazione e a frugare nei cassetti senza alcuna difficoltà ma uscendone a mani vuote, poi sono stati arrestati e processati. Alla fine, però, sono anche stati rilasciati per mancanza di prove.

Protagonisti della vicenda due trentenni di una società energetica, che si sono presentati alla porta di un anziano residente a Brescia. Questo, in casa con la nipote di 14 anni, ha aperto la porta con distrazione, pensando che dietro vi fosse la figlia. I due trentenni sono così entrati e hanno chiesto all’uomo di mostrargli le sue bollette.

Aiutandolo nella ricerca, hanno potuto mettere le mani ovunque, frugando nei cassetti.

La nipote dell’anziano, però, si è insospettita e ha quindi chiamato la madre che ha allertato il 112. I due trentenni, avvisati dell’arrivo imminente delle forze dell’ordine, hanno quindi cercato di fuggire ma sono stati arrestati e accusati di tentato furto.

Processati per direttissima, sono poi stati rilasciati.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome