Soldi spariti alla mensa della Questura: chiesti cinque anni di pena per l’ex gestrice

Ci sarebbe una differenza di ben 120mila euro tra le cifre pagate dagli agenti, i buoni pasto rilasciati e i soldi effettivamente versati al ministero

1
Questura di Brescia
Questura di Brescia

Cinque anni. Questa è stata la richiesta del pubblico ministero Ambrogio Cassiani per l’ex gestrice della mensa della Quesstura di Brescia.

La donna, una fornitrice esterna, è accusata di peculato e falso ideologico: secondo quanto scoperto dal nuovo dirigente di via Botticelli, infatti, ci sarebbe una differenza di ben 120mila euro tra le cifre pagate dagli agenti, i buoni pasto rilasciati e i soldi effettivamente versati al ministero dell’interno tra il 2008 e il 2018.

Da qui il processo e la richiesta di condanna. Ma saranno i giudici a dire se l’ex gestrice ha commesso illecito o meno. Il processo è stato aggiornato al 21 febbraio.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome