Un furto dietro l’altro, fermata la banda che seminò il panico nella Bassa

Avevano seminato il panico anche nella Bassa Bresciana i malviventi arrestati dai carabinieri di Corsico (Mi) perchè responsabili di 23 furti accertati

0
Carabinieri in azione nella notte, foto generica
Carabinieri in azione nella notte, foto generica

Avevano seminato il panico anche nella Bassa Bresciana i malviventi arrestati dai carabinieri di Corsico (Milano) perchè ritenuti responsabili di 23 furti accertati e un’ottantina di altri colpi ipotizzati e portati a segno nelle regioni del Nord Italia. I reati contestati sono associazione a delinquere finalizzata ai furti e riciclaggio.

Le indagini dei militari sono partite da Trezzano sul Naviglio (Mi), dove un uomo per giorni ha visto uno strano andirivieni nei pressi di un distributore di benzina. Da qui i malviventi partivano a bordo di un’automobile Audi attorno alle 22, per poi rientrare, cambiare la targa eandr via ciascuno sul proprio mezzo.

La banda, formata da 4 uomini originari del Kosovo e un albanese, tutti tra i 30 e i 50 anni, era stata avvistata anche nella Bassa Bresciana, dove era più volte riuscita a seminare le forze dell’ordine.

Enorme il valore complessivo dei colpi, che hanno permesso ai banditi di acquistare auto, case, bottiglie di champagne, e altri beni di lusso.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome