Armi nascoste in un buco, escono dal carcere i tre fratelli albanesi

Ora in carcere restano i due uomini accusati di spaccio, mentre anche le mogli di due degli altri fratelli, che erano finite ai domiciliari, adesso sono libere

0
ex Canton Mombello - Nerio Fischione
ex Canton Mombello - Nerio Fischione

I giudici del tribunale del Riesame hanno approvato l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare che aveva fatto finire in carcere e ai domiciliari sette componenti di una famiglia di origine albanese.

Come spiega Il Giorno Brescia, i sette erano stati arrestati per aver nascosto all’interno di un buco ricavato nella villa di famiglia a Sale Marasino armi e proiettili.

Tre fratelli arrestati attorno alla metà di gennaio avevano così raggiunto in carcere altri due fratelli, che erano finiti in manette e poi nel carcere Nerio Fischione (ex Canton Mombello) per spaccio di stupefacenti a seguito di un’indagine condotta dai carabinieri di Breno e Clusone e coordinata dalla procura di Brescia.

Ora in carcere restano proprio i due uomini accusati di spaccio, mentre anche le mogli di due degli altri fratelli, che erano finite ai domiciliari, adesso sono libere.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome