Oscar del Basket 2019, premiato coach del Basket Brescia Andrea Diana

Andrea Diana:" "Se il Premio Reverberi porta fortuna a chi lo riceve spero lo porti anche alla Leonessa per questa stagione"

0
L'allenatore del Brescia Basket, Andrea Diana
L'allenatore del Brescia Basket, Andrea Diana

Si è svolta presso la Tenuta Venturini Baldini di Quattro Castella (RE) la XXXIII edizione del Premio Reveberi – Oscar del Basket, l’evento annuale durante il quale vengono premiate le eccellenze del basket italiano, divise per categoria.

Nella categoria allenatori, il premio relativo alla stagione 2017-2018 è andato ad Andrea Diana, coach della Germani . Un riconoscimento più che meritato, visto che l’allenatore toscano è stato capace di portare la Leonessa alla semifinale dei playoff scudetto, dopo averla condotta al terzo posto nella regular season e dopo essere andato a un soffio dalla vittoria della Final Eight 2018.

“Il basket è in continua evoluzione – spiega il coach livornese al momento della premiazione -. Ogni anno ci sono tantissime regole che cambiano e si va verso un basket sempre più dinamico e veloce, nel quale l’utilizzo dell’instant replay cresce di anno in anno. Ciò che deve crescere di pari passo è il rispetto reciproco in campo e un maggior dialogo fra allenatore ed arbitro durante le partite, un particolare che aiuterebbe a togliere tensione ad entrambi. Cambiare qualcosa nel basket? Mi piacerebbe avere un campo più grande dove giocare con la linea da tre punti ancor più arretrata”.

“Colgo l’occasione per fare i complimenti alla Vanoli Cremona, che ieri ha vinto la – prosegue coach Diana -. Mi fa piacere anche congratularmi con Luca Banchi, che ha portato l’AEK Atene alla conquista della Coppa Intercontinentale, con Andrea Trinchieri per la Coppa di Serbia con il Partizan e con Federico Perego per il successo in Coppa di Germania con il Bamberg”.

“Ringrazio tutti per questo premio ambitissimo – afferma l’allenatore toscano -. Dedico il premio innanzitutto a mia moglie Valentina che mi sostiene in ogni momento, penso non sia semplice vivere a fianco di un allenatore di basket. Voglio dedicare il premio anche ai miei genitori che mi hanno trasmesso la passione per il basket, portandomi per la prima volta al palazzetto a tre anni a vedere la Libertas Livorno. Ringrazio loro per avermi trasmesso la passione per la pallacanestro, che poi è diventata il mio lavoro”.

“Se il Premio Reverberi porta fortuna a chi lo riceve – conclude Andrea Diana -, spero lo porti anche alla Leonessa per questa stagione, che fino a oggi è stata contraddistinta da alti e bassi”.

Assieme al coach della Germani Basket Brescia, hanno ricevuto il premio anche Ariel Filloy, guardia della Sidigas Avellino e della Nazionale italiana di basket (miglior giocatore italiano), Martina Fassina, guardia del Familia Schio e della Nazionale femminile Under 20 (miglior giocatrice italiana), Andrea Pecchia, guardia del Treviglio Basket (miglior giovane della A2), e Manuel Mazzoni (categoria arbitri).

E ancora, Egidio Bianchi, presidente di Lega Basket (Personaggio dell’anno), Aldo Vanoli, presidente della Vanoli Cremona (Premio contributo al basket), Nicolò Melli, giocatore del Fenerbahce e della Nazionale italiana (Premio Speciale). Infine, premi speciali per Andrea Tosi (categoria giornalisti), per il progetto Slums Dunk di Bruno Cerella (premio Basket & Solidarietà), alla società di basket femminile Lupebasket ASD di San Martino Lupari (premio FIP) e all’allenatrice reggiana Mariella Iotti (premio Piccinini).

Il Premio Reverberi, istituito in onore e ricordo del grande arbitro reggiano Pietro Reverberi, viene considerato come la più importante manifestazione in ambito cestistico a livello nazionale ed è riconosciuto come l’unica manifestazione in Italia che premia tutte le categorie operanti nel mondo del basket, dagli arbitri ai dirigenti passando per giocatori, giocatrici, allenatori e giornalisti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome