Altera i conti della mensa della questura, condannata la ex responsabile

La donna era subito stata sospesa dal servizio e poi accusata di essersi appropriata del denaro che, però, non è mai stato trovato

0
Mensa

È stata condannata per falso ideologico ad un anno e quattro mesi, pena sospesa, la donna responsabile della mensa della questura di Brescia che era stata accusata di essersi intascata ben 120 mila euro in una decina di anni di servizio. Il processo si è anche però concluso con l’assoluzione dell’imputata per l’accusa di .

L’inchiesta che aveva portato al processo, partita da una segnalazione di un dirigente della questura che si era accorto di alcune lacune nei conti, aveva effettivamente fatto emergere alcune difformità tra le quote corrisposte dagli utenti della mensa, i buoni pasto e il denaro versato al ministero dell’Interno.

La donna era subito stata sospesa dal servizio e poi accusata di essersi appropriata del denaro (che non è mai stato trovato e, dunque, non ci sono prove stato relmente intascato). Si attendono ora le motivazioni della sentenza.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome