Minacce ai clienti, Giacomo Bozzoli pagherà il risarcimento: reato estinto

La Corte di Appello ha dichiarato estinto il reato dato che Bozzoli ha confermato che risarcirà la parte offesa con 15 mila euro

0
Esterno della ditta Bozzoli - Ph Fotolive Filippo Venezia
Esterno della ditta Bozzoli - Ph Fotolive Filippo Venezia

Si è conlusa la vicenda giudiziaria a carico di Giacomo (nipote dell’imprenditore scomparso nel nulla Mario Bozzoli) accusato di aver minacciato dei clienti per ottenere il pagamento di un debito.

La ha dichiarato estinto il reato dato che Bozzoli ha confermato che risarcirà la parte offesa con 15 mila euro e pagherà la cifra corrispondente alle spese legali.

L’uomo, che è ancora indagato insieme al fratello e a due operai per l’omicidio dello zio, vede così concludersi il caso giudiziario che lo ha visto imputato inizialmente insieme al padre Adelio nei cui confronti però il giudice aveva disposto il non luogo a procedere.

Intanto la Procura generale, che aveva avocato a sè l’inchiesta sul giallo di Marcheno, sta ancora indagando sulla scomparsa di Bozzoli e si sta occupando anche della morte di Giuseppe Ghirardini, l’operaio della fonderia avvelenato e trovato senza vita a Ponte di Legno.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome