Marijuana nel terreno: la Cassazione confermati i domiciliari per un 33enne

Tutto risale al mese di novembre del 2018 quando un elicottero dei carabinieri che stava sorvolando nella bassa bresciana aveva individuato, tra Calcinato e Calcinatello, una maxi coltivazione di marijuana

0
Marijuana (foto generica)
Pianta di Marijuana (foto generica)

Nei giorni scorsi la Cassazione ha confermato gli arresti domiciliari per un 33enne che, nei propri terreni, aveva deciso di coltivare diverse piante di marijuana.

Tutto risale al mese di novembre del 2018, quando un elicottero dei carabinieri che stava sorvolando nella bassa bresciana aveva individuato, tra Calcinato e Calcinatello, una maxi coltivazione di marijuana. Il 33enne, proprietario dei terreni, era così stato condannato ai domiciliari e anche il tribunale del riesame aveva confermato la pena.

Il 33enne, però, si avrebbe giustificato dicendo che non era a conoscenza del fatto che ci fossero piantagioni della sostanza stupefacente e che, secondo lui, le piante di marijuana sarebbero state mimetizzate dal granoturco coltivato da chi aveva preso in affitto il terreno. Ma i giudici non gli hanno creduto.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome