Nuovo player industriale per packaging, Sivieri (Apindustria): c’è ancora chi ha coraggio

Il Presidente Apindustria Douglas Sivieri: " Il settore apprezzerà Imbal Line quale nuovo player industriale"

0
Douglas Sivieri, presidente di Api, foto da ufficio stampa, www.bsnews.it
Douglas Sivieri, presidente di Api, foto da ufficio stampa, www.bsnews.it

“È un momento di grave incertezza e di attesa per le PMI, che nel sistema Confapi a Brescia sono oltre 1500. Solo pochi illuminati imprenditori ed in particolari mercati azzardano investimenti di lungo periodo. Il post-crisi imperante ha generato un diffuso atteggiamento attendista che sicuramente avrà conseguenze sul futuro del Paese. Grazie a Dio c’è ancora chi è in grado di innovare ed investire anche in momenti come questi”: è positivo il commento del Presidente Brescia sul debutto della storica azienda bresciana di imballaggi Imbal Line come produttore autonomo di macchine per il confezionamento.

Il Presidente Sivieri, che interverrà all’open day di Imbal Line giovedì 23 Maggio (ore11) aggiunge: “Ben vengano imprenditori come Giuseppe Boletti che con Visione e coraggio allargano i mercati di riferimento portando la loro qualità. Il settore del packaging apprezzerà un nuovo player. L’innovazione di processo e di produzione in un ambito così delicato può essere il giusto viatico per un successo straordinario. In Europa, le PMI rappresentano, esattamente come in Italia, il motore trainante della economia. Ci aspettiamo che la stagnazione strisciante abbia purtroppo ancora lunga vita soprattutto nei comparti già giunti a maturazione. La politica economica ed industriale avrà un ruolo predominante nella crescita delle Pmi”.

“Credo fortemente che data la struttura sociale della nostra zona- sottolinea Giuseppe Boletti-, avere un’associazione di riferimento così funzionale e funzionante è certamente di aiuto”.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome