Contributi europei per pascoli inesistenti, la truffa si allarga

Nel mirino dei carabinieri sono finiti due imprenditori agricoli cremonesi ai quali sono stati sequestrati beni e immobili per un totale di quasi 2 milioni di euro

0
I carabinieri forestali
I carabinieri forestali

Ancora una volta la Valcamonica è al centro di una vicenda che sta destando scalpore.

Le indagini dei carabinieri forestali del Gruppo di Brescia in collaborazione con i colleghi di Breno hanno fatto emergere un’ingente truffa ai danni dello Stato e dell’Europa perpetrata grazie alla cessione di alpeggi comunali a soggetti che presentavano certificazioni false e ottenendo poi contributi comunitari che non gli spettavano.

Nel mirino dei carabinieri sono finiti due imprenditori agricoli cremonesi ai quali sono stati sequestrati beni e immobili per un totale di quasi 2 milioni di euro. Nei guai sono però finite anche alcune persone responsabili di pascoli inesistenti.

La truffa è emersa al momento nel territorio di Cimbergo, ma i militari indagano anche a Paspardo.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome