Maltempo, Sirmione chiede alla Regione lo stato di calamità naturale

Il Comune invita coloro che hanno subito danni a raccogliere tutta la documentazione utile a dimostrare gli stessi (fotografie, stime dei danni ed eventuali spese sostenute) e a trasmetterne copia all’Ufficio Protocollo

0
Sirmione vittima del maltempo, foto Mariella Segala (Facebook)
Sirmione vittima del maltempo, foto Mariella Segala (Facebook)

Il Vicesindaco del Comune di Sirmione Luisa Lavelli ha attivato la procedura per richiedere a Regione Lombardia il riconoscimento dello stato di calamità naturale in seguito ai danni causati dai fenomeni climatici estremi verificatisi domenica 5 maggio 2019.

Dalla richiesta avanzata dal Comune potranno trarre beneficio pure i privati e le varie attività. In attesa di un riscontro da parte delle competenti aautorità, il Comune invita coloro che hanno subito danni a raccogliere tutta la documentazione utile a dimostrare gli stessi (fotografie, stime dei danni ed eventuali spese sostenute) e a trasmetterne copia all’Ufficio Protocollo del Comune di Sirmione al più presto direttamente a mano oppure tramite e-mail a [email protected], [email protected]

Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Segreteria del Sindaco al numero 030 9909135.

UNA NOTA: La richiesta di riconoscimento della calamità naturale avviata dal Comune – precisa il comunicato stampa – va distinta dall’eventuale riconoscimento economico da essa derivante. La decisione finale di riconoscere un’indennità spetta infatti esclusivamente ad Organi sovracomunali. Il Comune si è comunque attivato, oltre e che per avviare la procedura, anche per fare da tramite tra le richieste pervenute e gli Organi amministrativi competenti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome