Bovezzo, “relatore di incontro politico associato alla questura di Brescia”: accertamenti in corso

Il soggetto in questione non solo non è dipendente della questura di Brescia, ma non è neanche appartenente alla Polizia di Stato

0
Questura di Brescia
Questura di Brescia

È stato diffuso nei giorni scorsi il volantino che invita ad un incontro di propaganda elettorale a Bovezzo a sostegno di un candidato sindaco.

L’iniziativa, sul tema della difesa abitativa, prevede l’intervento di due relatori: uno di questi, però, è stato impropriamente associato alla questura di Brescia. Il soggetto in questione non solo non è dipendente della questura di Brescia, ma non è neanche appartenente alla Polizia di Stato.

«Sono in corso accertamenti – scrive in una nota la questura – per individuare i responsabili dell’uso improprio della qualifica di pubblico ufficiale e della menzione della Questura di Brescia nell’ambito di un’attività di propaganda elettorale, inducendo la collettività all’erronea convinzione che una Istituzione pubblica aderisca o promuova una determinata area policia, mentre la Polizia di Stato è ad esclusivo servizio dello Stato e delle comunità dei cittadini globalmente intese».

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome