Stranieri con precedenti e documenti scaduti, altre cinque espulsioni

I cittadini extracomunitari irregolari sul Territorio Nazionale e gravati da precedenti di polizia sono stati rintracciati a Brescia e provincia

0
Immigrati
Immigrati

Sono cinque le persone espulse questa settimana nell’ambito dell’attività di controllo del territorio messa in campo dalle forze di . I cittadini extracomunitari irregolari sul Territorio Nazionale e gravati da precedenti di sono stati rintracciati a Brescia e provincia: per motivi di ordine e sicurezza pubblica tre sono al momento stati trattenuti nei centri di permanenza per i rimpatri, due hanno ricevuto esecuzione immediata alla frontiera.

L’11 maggio un cittadino del Kossovo di 36 anni, identificato a mezzo di copia passaporto, è stato fermato da personale del Distaccamento Polizia stradale di Salò durante un normale controllo autovettura. Il soggetto era già destinatario di Decreto di annullamento del Permesso di Soggiorno emesso dal Questore di Brescia nel 2016 e di provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto di Bergamo il 17.08.2017 con le misure alternative al trattenimento della consegna del passaporto e dell’obbligo della presentazione presso la Questura di Bergamo. Al 36enne è stato notificato un Decreto di trattenimento nel Centro di permanenza per i rimpatri di Brindisi.

Un cittadino albanese di 30 anni è stato fermato dai di Castrezzato: era in possesso di un passaporto originale in corso di validità e titolare di Permesso di Soggiorno per attesa occupazione del quale il Questore di Brescia ha rifiutato il rinnovo per precedenti ostativi. A suo carico figurano infatti sentenze di condanna emesse dal Tribunale di Brescia per reati in materia di stupefacenti. L’uomo, destinatario di un Decreto di espulsione, è stato accompagnato alla frontiera di Malpensa.

Come lui anche un uomo marocchino di quasi 30 anni è stato accompagnato all’aeroporto di Malpensa. Fermato dai carabinieri di Manerbio a seguito di un controllo veicolare, è emerso che il cittadino era titolare di una carta di soggiorno revocata con decreto emesso nel 2015. A suo carico risultano condanne per furto aggravato, rapina aggravata, lesioni personali, ricettazione, evasione, porto abusivo di armi.

Un cittadino senegalese nato nel 1981 è stato invece fermato dagli agenti della squadra volante. L’uomo era titolare di un permesso di soggiorno per motivi famigliari del quale il Questore di Brescia ha rifiutato il rinnovo. A suo carico condanne per falsità materiale, resistenza a pubblico Ufficiale, lesioni personali, stupefacenti e denunce per rapina e maltrattamenti in famiglia. Al senegalese è stato notificato un Decreto di espulsione e trattenuto presso il CPR di Bari.

Sorte simile è capitata ad un giovane tunisino di 23 anni  che è stato fermato dai carabinieri di Bagnolo Mella. Il tunisino aveva richiesto Protezione Internazionale che la competente Commissione territoriale di Bologna ha negato nel 2018 e per la quale lui non ha opposto ricorso al Tribunale. Il 23 enne, destinatario di Decreto di espulsione, sarà accompagnto nel CPR di Potenza.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome