Brescia, questione stadio: sì di Cellino al bando, ma spunta un altro giallo

Ieri, martedì 21 maggio, la commissione tecnica comunale si è riunita per valutare l'offerta del club che, nella propria proposta, ha aggiunto anche le spese della scorsa estate per spogliatoi, seggiolini e campo di gioco

0

Sono settimane intense a Brescia per quanto riguarda la questione stadio Rigamonti, a maggior ragione dopo la promozione in Serie A dei biancoblù.

Lunedì 20 maggio scadeva, infatti, il bando indetto dal Comune di Brescia e il presidente Massimo Cellino ha deciso di aderire presentando la domanda in extremis. Il bando prevedeva una durata legata agli investimenti (da 2 a 9 anni) e Cellino è pronto a sborsare una cifra tra i 4 e i 5 milioni per adeguare l’impianto di Mompiano.

Ieri, martedì 21 maggio, la commissione tecnica comunale si è riunita per valutare l’offerta del club che, nella propria proposta, ha aggiunto anche le spese della scorsa estate per spogliatoi, seggiolini e campo di gioco. La commissione – come riporta Bresciaoggi – avrebbe però preso tempo per valutare.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome