Omicidio di Manuela Bailo premeditato? La difesa si affida ad un asciugamano

Secondo l'accusa l'asciugamano sarebbe stato portato nella casa di Ospitaletto dall'assassino, che avrebbe quindi premeditato l'omicidio

0
Fabrizio Pasini e Manuela Bailo
Fabrizio Pasini e Manuela Bailo

Al centro della memoria difensiva presentata dal legale di Fabrizio Pasini, in carcere dal 20 agosto del 2018 per l’omicidio della 35enne Manuela Bailo, c’è un asciugamano.

Secondo quanto riportato da Bresciaoggi, l’atto che la difesa di Pasini ha depositato punterebbe a contestare la premeditazione puntando l’attenzione su un asciugamano riconosciuto dalla mamma di Pasini e che si sarebbe già trovato nella casa di Ospitaletto dove la 35enne di Nave sarebbe stata uccisa.

Secondo l’accusa, invece, il telo sarebbe stato portato lì dall’assassino, che avrebbe appunto premeditato l’omicidio.

Il 49enne di Ospitaletto è accusato di omicidio premeditato e occultamento di cadavere.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome