Delitto Sana Cheema, la procura di Brescia accusa padre e fratello di omicidio

Ai due sarebbe stata contestata anche l'aggravante della premeditazione, mentre per il padre ci sarebbe pure il capo d'accusa aggiuntivo di maltrattamenti in famiglia

3
Sana Cheema in alcune foto tratte da Instagram
Sana Cheema in alcune foto tratte da Instagram

In Pakistan, nonostante secondo le notizie di stampa uno dei due fosse reo confesso, sono stati assolti per insufficienza di prove. Ma a Brescia sono ufficialmente accusati di omicidio. La Procura di Brescia, infatti, ha chiuso le indagini sulla morte di Sana Cheema, la 24enne di origine pakistana che – secondo le ipotesi – ill 18 aprile 2018 sarebbe stata tratta in inganno nel suo paese d’origine e quindi strangolata da padre e fratello perché rifiutava il matrimonio combinato per lei dalla famiglia.

Ai due sarebbe stata contestata anche l’aggravante della premeditazione, mentre per il padre ci sarebbe pure il capo d’accusa aggiuntivo di maltrattamenti in famiglia.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome