Sterminò una famiglia a Urago, “quarto” ergastolo per Salvatore Marino

L'omicidio risale al 28 agosto del 2006: i malviventi sterminarono Angelo Cottarelli, con la moglie Marzenna Topor e il figlio Luca, di soli 17 anni

0

Quarto appello e quarta condanna all’ergastolo, dopo otto gradi di giudizio, per Salvatore Marino, ritenuto dai giudici milanesi responsabile della strage di Urago Mella.

L’omicidio risale al 28 agosto del 2006: i malviventi sterminarono Angelo Cottarelli, con la moglie Marzenna Topor e il figlio Luca, di soli 17 anni. Il movente fu probabilmente un presunto sgarro fatto dal capofamiglia in un affare relativo a fatture false, effettuato con la mediazione di un sedicente architetto triestino già condannato a 20 anni di carcere.

La condanna di Salvatore Marino si aggiunge a quella del cugino Vito, condannato con sentenza annullata e poi confermata, latitante scovato nell’ottobre dello scorso anno nelle campagne trapanesi e già in carcere.

La vicenda processuale di Salvatore, comunque, non è ancora chiusa: la Cassazione potrebbe annullare nuovamente tutto.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome