Ghisalba, Calcinate e Mornico: in manette gli aguzzini delle prostitute

La banda convinceva giovani ragazze della Romania (una quindicina quelle individuate) a trasferirsi in Italia e poi le riduceva in schiavitù, obbligandole a prostituirsi

0
prostituzione
Prostituzione

Sei cittadini rumeni e un albanese sono finiti in manette con l’accusa di fare parte di una banda dedita allo sfruttamento della prostituzione nella Bergamasca e in particolare nei Comuni di Ghisalba, Calcinate e Mornico, tra quelli a maggiore intensità di lucciole della Lombardia.

Secondo le indagini la banda convinceva giovani ragazze della Romania (una quindicina quelle individuate) a trasferirsi in Italia e poi le riduceva in schiavitù, obbligandole a prostituirsi. Mentre l’albanese finito in manette “affittava” loro le piazzole a 110 euro a nottata, in cambio della “protezione”.

L’operazione è stata condotta dai carabinieri di Bergamo in collaborazione con i colleghi della polizia rumena – e sotto il coordinamento della Dda di Brescia – a seguito della denuncia di una 18enne, convinta a venire in Italia per lavorare come barista e mandare soldi alla mamma malata.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome