Ghisalba, Calcinate e Mornico: in manette gli aguzzini delle prostitute

La banda convinceva giovani ragazze della Romania (una quindicina quelle individuate) a trasferirsi in Italia e poi le riduceva in schiavitù, obbligandole a prostituirsi

0
prostituzione
Prostituzione

Sei cittadini rumeni e un albanese sono finiti in manette con l’accusa di fare parte di una banda dedita allo sfruttamento della nella Bergamasca e in particolare nei Comuni di Ghisalba, Calcinate e Mornico, tra quelli a maggiore intensità di lucciole della Lombardia.

Secondo le indagini la banda convinceva giovani ragazze della Romania (una quindicina quelle individuate) a trasferirsi in Italia e poi le riduceva in schiavitù, obbligandole a prostituirsi. Mentre l’albanese finito in manette “affittava” loro le piazzole a 110 euro a nottata, in cambio della “protezione”.

L’operazione è stata condotta dai carabinieri di Bergamo in collaborazione con i colleghi della rumena – e sotto il coordinamento della Dda di Brescia – a seguito della denuncia di una 18enne, convinta a venire in Italia per lavorare come barista e mandare soldi alla mamma malata.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome