Regione, 200mila euro alle tv locali per prevenire le truffe agli anziani

L’ordine del Giorno approvato oggi prende atto degli oltre 10 milioni di euro di avanzo di amministrazione, 440mila dei quali costituito da ‘fondi liberi’ da restituire al bilancio regionale

0
anziano
Anziani, foto generica

“200mila euro per finanziare una campagna di informazione contro le agli anziani attraverso le tv locali, che sono certamente il mezzo con cui raggiungere più facilmente questo pubblico. I recenti casi di cronaca, che purtroppo hanno coinvolto anche Brescia, confermano l’importanza di sensibilizzare le fasce deboli della popolazione, soprattutto  chi in assoluta buona fede rimane vittima di delinquenti che si introducono nelle loro case, magari travestiti da finti operatori di aziende o addirittura da agenti delle forze dell’ordine”.

Lo dichiara , consigliere regionale (Gruppo Misto), che oggi ha firmato, insieme agli altri capigruppo al Pirellone, un Ordine del giorno che prevede di utilizzare parte dell’avanzo di bilancio 2018 del Consiglio per finanziare una campagna pubblicitaria nelle tv locali contro le truffe agli anziani.

“Anche lo scorso anno –prosegue Viviana Beccalossi- il Consiglio regionale si è dimostrato una delle istituzioni più virtuose del Paese. Quando si parla di casta o sprechi della politica, bisognerebbe ricordare che quella che con orgoglio definiamo ‘la terza Camera’ d’Italia costa 2,38 euro a ogni lombardo, riuscendo a gestire al meglio il proprio bilancio”.

L’ordine del Giorno approvato oggi prende atto degli oltre 10 milioni di euro di avanzo di amministrazione, 440mila dei quali costituito da ‘fondi liberi’ da restituire al bilancio regionale.

“Da qui-conclude Viviana Beccalossi- la proposta di utilizzare parte di queste risorse per attivare uno strumento utile per prevenire le truffe e allo stesso tempo guardare al mondo dell’informazione locale, che certamente non vive un momento facile”.

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome