Medico in vacanza con la legge 104, ora è accusata di truffa aggravata

La dottoressa è stata rinviata a giudizio per truffa aggravata, l'ospedale - che intanto ha avviato un iter disciplinare - si è costituito parte civile

1
vacanza - foto generica
vacanza - foto generica

Di certo non pensava che sarebbe finita a processo per quelle ferie prese nel 2017 e prolungate grazie ai permessi retribuiti e concessi grazie alla legge 104 di cui usufruiva perchè nipote di una zia disabile.

E invece una dottoressa dell’ospedale di Chiari dovrà spiegare proprio davanti al giudice, come siano andate le cose.

Ieri, infatti, la donna è stata rinviata a giudizio per truffa aggravata, l’ospedale – che intanto ha avviato un iter disciplinare – si è costituito parte civile.

La prima udienza è fissata per il 13 febbraio 2020: il medico dovrà chiarire come mai nelle giornate in cui avrebbe dovuto assistere la zia disabile si trovava in vacanza, prima a Palma di Maiorca, poi a Ponte di Legno (lo dimostrerebbero alcune foto che la dottoressa avrebbe pubblicato su Facebook).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome