Disponevano trappole per uccelli, zio e nipote bracconieri denunciati

Zio e nipote sono stati denunciati per detenzione di avifauna protetta e uso di mezzi di caccia non consentiti

0
I carabinieri forestali
I carabinieri forestali

Zio e nipote sono stati arrestati ieri dai carabinieri forestali di Marcheno dopo essere stati sorpresi a posizionare alcune trappole destinate ad uccellini di specie protette.

I due, che sono stati denunciati, avevano già iniziato la loro attività nei giorni precedenti e nell’abitazione dello zio sono stati trovati 27 esemplari di balia congelati.

I bracconieri avevano, inoltre, installato alcuni “allarmi” sul perimetro della zona di caccia (tra Sarezzo e Lumezzane) così da poter essere avvisati per tempo nel caso qualcuno si fosse avventurato nell’area.

Zio e nipote, ai quali è stato sospeso il porto d’armi, sono stati denunciati per detenzione di avifauna protetta e uso di mezzi di caccia non consentiti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome