Omicidio di Nadia Pulvirenti, medici e dirigenti in aula il 14 novembre

La procura ha chiesto l'omicidio colposo per le 5 persone e la Cooperativa cui fa riferimento la cascina Clarabella di Iseo ritenute co-responsabili della morte di Nadia

0
Nadia Pulvirenti - Ph Fotolive
Nadia Pulvirenti - Ph Fotolive

Dovranno comparire in aula il 14 novembre prossimo le 5 persone e la Cooperativa cui fa riferimento la cascina Clarabella di Iseo per cui la ha chiesto l’ colposo per la morte di Nadia Pulvirenti, la 25enne terapista accoltellata due anni fa da un ospite della struttura in cui lavorava.

Secondo il sostituto procuratore Erica Battaglia, le persone indagate – medici e dirigenti della Cooperativa, ma anche del Dipartimento di salute mentale di Iseo e del Cps di Rovato – avrebbero sottovalutato la situazione, ritenendo l’assassino di Nadia non pericoloso e non mettendo in atto dunque le necessarie precauzioni.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome