Confagricoltura: cimice asiatica, a rischio anche l’agricoltura bresciana

Il presidente di Confagricoltura Brescia Giovanni Garbelli: “Non bastano gli aiuti per i danni subiti, servono tutti gli strumenti utili per fronteggiare questo parassita estremamente dannoso”

0
cimice asiatica
Cimice asiatica, foto generica

La cimice asiatica è ormai diffusa anche in provincia di Brescia dove si fanno le prime stime dei danni. “Questo parassita – afferma Giovanni Garbelli, presidente di Brescia – sta causando danni enormi al settore dell’ortofrutta su tutto il territorio lombardo e nell’intero nord Italia. Per la nostra provincia – prosegue il presidente -, i problemi più gravi sono relativi al settore delle pesche, con una riduzione delle produzioni vicina all’80%: è necessario quindi mettere in campo tutti gli strumenti utili per fronteggiare la situazione, a partire da un sostegno alle aziende colpite”. Confagricoltura è mobilitata in tutta Italia per sensibilizzare le istituzioni per individuare soluzioni immediate ed efficaci. A Badia Polesine (Rovigo) e a Modena oltre 500 agricoltori di Confagricoltura sono scesi in piazza per protestare a chiedere un intervento efficace ed immediato alle istituzioni. Confagricoltura Brescia ritiene urgente l’istituzione di un fondo nazionale come è stato fatto per la Xylella in Puglia e per questo esprime apprezzamento per l’intervento dell’assessore regionale all’, Fabio Rolfi, che è intervenuto a sostegno di questa richiesta. Allo stesso modo è necessario approvare in tempi brevi il decreto per la sperimentazione degli antagonisti naturali, come la vespa “samurai”.

“L’emergenza legata alla diffusione della cimice asiatica sta mettendo a dura prova i produttori – commenta Fausto Nodari, presidente della Sezione economica cereali di Confagricoltura Brescia -: grazie ad uno studio dell’Università di Bologna è emersa l’utilità della vespa ‘samurai’ per contrastare questo parassita. In Cina, areale da cui proviene l’insetto, non si registrano problemi – spiega Nodari – in quanto sono presenti antagonisti naturali. Ci attendiamo quindi che l’introduzione della vespa ‘samurai’ possa contribuire a contrastare la diffusione della cimice, visto il fallimento delle tecniche sin qui adottate. Infine – conclude l’imprenditore – riteniamo importante che a livello nazionale venga adeguatamente considerata anche la minaccia della Popillia japonica, un altro insetto che colpisce le principali colture, ad eccezione del riso”.

“Il ruolo dei Servizi fitosanitari e della ricerca – conclude Confagricoltura Brescia – rimane quindi centrale per supportare le aziende agricole nel controllo delle nuove fitopatie causate da diffondersi di specie provenienti da altri continenti”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome