Lago d’Iseo, corpo ritrovato a 80 metri di profondità: è ancora mistero sull’identità

Le difficoltà stanno nel fatto che il corpo è rimasto per 7 anni in acqua e lo stato attuale del cadavere è quello della mineralizzazione

0
Lago di Iseo
Lago di Iseo

E’ ancora mistero sull’identità del corpo ritrovato a 80 metri di profondità nelle acque del lago d’Iseo.

Gli accertamenti – come riporta Bresciaoggi – si stanno infatti rivelando più complicati del previsto e non c’è ancora la prova genetica che lo scheletro, recuperato nella macchina adagiata ad oltre 80 metri di profondità tra Tavernola e Montisola, appartenga a Rosario Tilotta, pensionato bergamasco del quale si persero le tracce ormai 15 anni fa.

Le difficoltà stanno nel fatto che il corpo è rimasto per 7 anni in acqua e lo stato attuale del cadavere è quello della mineralizzazione. Ad occuparsi del caso è Cristina Cattaneo, l’anatomopatologa che si è occupata del delitto di Yara Gambirasio e del caso di Mario Bozzoli, che nei prossimi tre mesi dovrà consegnare la relazione al pm Giancarlo Mancusi.

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome