Librixia Brescia, ecco gli appuntamenti di mercoledì: arrivano Guerri e Dori Ghezzi

Alle 19, in Arena Agrobresciana si terrà l’evento “Ricordando Fabrizio” con Dori Ghezzi che parlerà del suo libro “Anche le parole sono nomadi” (Chiarelettere), con Jean-Luc Stote

0
Librixia - Fiera del libro di Brescia
Librixia - Fiera del libro di Brescia

2019 – Fiera del Libro di Brescia, nata dalla collaborazione tra Comune di Brescia, Ancos – circolo culturale di Confartigianato Brescia e Bcc Agrobresciano, prosegue mercoledì 2 ottobre con un programma ricco di incontri e appuntamenti di qualità.

Alle 10, all’Arena Agrobresciano di Piazza Vittoria, si terrà l’incontro “Cronaca e storia di una strage di Stato: i depistaggi, le fake news, la verifica delle fonti e la deontologia dei giornalisti”. Interverranno Aldo Giannuli, Alessandro Galimberti presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Massimo Tedeschi e Manlio Milani. In collaborazione con Casa della Memoria.

L’appuntamento, aperto a tutti, fa parte dei corsi di formazione riconosciuti dall’Ordine dei Giornalisti.

Alle 14, sempre in Arena Agrobresciano, Aglaya Jiménez Turati parlerà di “#tellusyourstory – Racconti di violenza e discriminazione. Lo storytelling come srumento per il cambiamento sociale (Prisma Luce), con Roberta Morelli.

Alle 15, all’Arena Agrobresciano di Piazza Vittoria, Giulee Last presenterà “Una nuova stirpe” (Zephyro Edizioni), con Franca Cerveni. Due storie parallele scorrono in questo romanzo fantasy di una giovane autrice Giulee Last (Giulia Mazzola), che vive a Treviglio (BG).

Alle 16, all’Arena Agrobresciano, avrà luogo l’incontro con la poetessa Patrizia Valduga che presenterà “Belluno. Andantino e grande fuga” (Einaudi), con Alessandra Giappi. Dopo sette anni di silenzio, Patrizia Valduga pubblica un nuovo libro di versi. Patrizia Valduga per Einaudi ha pubblicato “Medicamenta e altri medicamenta” (1982), “Cento quartine e altre storie d’amore” (1997), “Prima antologia” (1999), “Quartine” (2001), ”Requiem” (2002), “Lezione d’amore” (2004), “Il libro delle laudi” (2012), “Poesie erotiche” (2018) e “Belluno. Andantino e grande fuga” (2019). Ha inoltre pubblicato traduzioni da John Donne, Valéry, Molière, Shakespeare. Ha fondato nel 1988 il mensile Poesia, che ha diretto per un anno.

Alle 17, sempre presso l’Arena Agrobresciana, Giordano Bruno Guerri presenterà “Disobbedisco. Cinquecento giorni di Rivoluzione” (Mondadori). Con il suo stile inconfondibile, Giordano Bruno Guerri ricostruisce quei sedici mesi dell’impresa dannunziana a Fiume attraverso migliaia di documenti inediti custoditi negli Archivi del Vittoriale, intrecciando in una narrazione appassionante la grande storia con le vicende degli uomini e delle donne che hanno vissuto quell’irripetibile avventura.

Alle 18, Arena Agrobresciana ospiterà Giulio Sapelli ed Enrico Quintavalle con “Nulla è come prima. Le piccole imprese nel decennio della grande trasformazione” (Guerini e Associati), con Cesare Fumagalli, segretario generale Confartigianato Imprese. Un’attenta analisi sui mutamenti dell’economia internazionale che hanno rivoluzionato il modo in cui le piccole imprese si affacciano al mercato. Giulio Sapelli (Torino, 1947) è Professore ordinario di Storia economica all’Università degli Studi di Milano ed editorialista del Messaggero, intellettuale, pensatore e opinionista poliedrico.

Alle 19, in Arena Agrobresciana si terrà l’evento “Ricordando Fabrizio” con Dori Ghezzi che parlerà del suo libro “Anche le parole sono nomadi” (Chiarelettere), con Jean-Luc Stote. Anche le parole sono nomadi (Chiarelettere) nasce dal desiderio di leggere, insieme e di nuovo, quei testi, scritti da Fabrizio De André o insieme ai suoi preziosi collaboratori, per riflettere sui contenuti che ha posto alla sua e nostra attenzione: gli ultimi, gli emarginati, il potere, la libertà, l’anarchia, la guerra…

Alle 21, all’Auditorium San Barnaba avrà luogo il concerto di Mauro Pagani “Crêuza de mä”.

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome