🔴🔴 Mafia e corruzione a Brescia: negli interrogatori le prime ammissioni

L'operazione Leonessa ha accertato l’operatività di una cosca mafiosa con quartier generale a Brescia e ha parallelamente disvelato numerosi reati tributari e fenomeni corruttivi

0
ex Canton Mombello - Nerio Fischione
ex Canton Mombello - Nerio Fischione

Proseguono in questi giorni gli interrogatori di garanzia delle persone finite in manette in seguito all’operazione Leonessa, che ha permesso di portare alla luce presunti illeciti di varia natura. Gli indagati destinatari di misure cautelari sono stati accusati di reati fiscali, di associazione a delinquere di stampo mafioso, di corruzione e di altri reati.

Mentre, però, qualcuno tra coloro che sono già stati interrogati – come il direttore dell’Agenzia delle Entrate di Brescia, si è avvalso della facoltà di non rispondere e ha reso dichiarazioni spontanee -, altri avrebbero fatto le prime ammissioni e chiarire le proprie posizioni rispetto ai reati contestati. Tra questi, secondo le prime indiscrezioni, ci sarebbero alcuni uomini della Guardia di Finanza e un imprenditore.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome