🔴🔴🔴 Triplice fiocco all’ospedale Sant’Anna: ecco Desirèe, Leonardo e Giulia

Si chiamano Desirèe, Leonardo e Giulia i tre gemellini nati il 17 settembre, a un minuto di distanza l’uno dall’altro, all’Istituto Clinico S. Anna

0
Parto trigemellare all'ospedale Sant'Anna di Brescia

Si chiamano Desirèe, Leonardo e Giulia i tre gemellini nati il 17 settembre, a un minuto di distanza l’uno dall’altro, all’Istituto Clinico S. Anna.

Un parto record, il primo che si verifica dall’inizio dell’attività del reparto di ostetricia e ginecologia guidato dal dottor Roberto Garbelli, che ha visto la nascita alla 36° settimana dei tre bimbi, venuti alla luce con taglio cesareo.

L’evento ha emozionato l’intero reparto e i giovani neogenitori, Giada e Fabio di Mairano, sono stati assistiti e supportati da tutto personale nei loro primi passi come famiglia.

“Il nostro obiettivo era quello di portare la gravidanza il più possibile vicino al termine, per ridurre il rischio di eventuali complicanze per la mamma e i bambini. I tre gemellini sono nati tutti con un peso superiore ai 2 kg e in ottima salute” afferma il dottor Carlo Gastaldi, ginecologo dell’Istituto Clinico S. Anna che ha seguito la paziente nel corso della gravidanza e durante il parto. “In un periodo dove si parla sempre più spesso di natalità bassa e di culle che rimangono vuote questo evento ci rende ancora più felici”.

Dopo qualche giorno in una termoculla, per raggiungere il peso di 2.400 grammi, i bimbi hanno potuto lasciare l’ospedale con i loro genitori, pronti per iniziare la loro avventura.

I neo genitori – sottolinea una nota del nosocomio – ci tengono a ringraziare personalmente il dottor Carlo Gastaldi per averli seguiti in modo attento e scrupoloso durante tutta la gravidanza. Inoltre ringraziano la caposala Daniela e tutto il reparto di Ostetricia per l’umanità, la professionalità e la gentilezza.

Parto trigemellare all’ospedale Sant’Anna di Brescia

Ultimo aggiornamento il 13 Settembre 2020 19:45

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome