Percorre l’Italia a piedi per Aism: ora Osky arriva a Brescia

0
Osky 4 aism
Osky 4 aism, Marco Togni

Saranno tre le tappe di Osky, il ragazzo che sta attraversando l’Italia a piedi per , nella provincia bresciana.

Il giovane ingegnere, che ha abbandonato il suo lavoro e si è dedicato completamente alla causa di AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, arriverà oggi a Lonato, dove incontrerà il sindaco Roberto Tardani, e sarà domani a Brescia dove sarà accolto a Palazzo Loggia dall’assessore alla partecipazione del comune di Brescia Alessandro Cantoni. Osky riprenderà poi il suo cammino passando da Palazzolo sull’Oglio.

Queste occasioni saranno momenti di scambio e confronto durante i quali Osky racconterà le storie raccolte in quasi 5mila chilometri di camminata percorsi sino ad oggi.

IL VIAGGIO DI #OSKY4AISM

Marco “Osky” Togni è partito il 17 marzo 2019 a piedi da Genova, dal ponte Morandi, per portare in tutta la penisola italiana un messaggio di unità e di sensibilizzazione sulla sclerosi multipla. Un lungo viaggio di 6000 km in 259 giorni lungo un’Italia intera in cammino contro la sclerosi multipla.

L’impresa di Osky a sostegno di AISM ha l’obiettivo di raccontare la vita delle sezioni sparse in tutta Italia, raccogliendo le storie di chi è coinvolto da questa grave malattia del sistema nervoso centrale, che in Italia colpisce 122 mila persone (soprattutto donne e soprattutto giovani).

Nel suo itinerario Osky tocca città grandi e piccoli centri, diffondendo una maggiore conoscenza della patologia e mettendoci la faccia (e le gambe) per dimostrare che si può essere volontari AISM in tanti modi, anche camminando per chi non può farlo.

IL PROGETTO

Questo progetto si lega alla campagna di AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla & Associazione Trenta Ore per la Vita onlus a favore delle mamme e future mamme con SM.

Il viaggio di Osky attraverso l’Italia rappresenta, inoltre, un’occasione d’incontro per le persone con SM, per i caregiver e per gli stakeholder.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome