Pallavolo, impresa Millenium: conquistato il PalaIgor di Novara al tiebreak

0
Novara-Savallese - foto da ufficio stampa
Novara-Savallese - foto da ufficio stampa

Strepitoso successo esterno della . Nella seconda giornata di campionato, la formazione di coach Enrico Mazzola supera al termine di una gara emozionante e spettacolare l’Igor Novara, campione d’Europa in carica, per 3-2.

La formazione di casa parte meglio, mantenendo un margine di vantaggio intorno ai due punti. Brescia capitalizza gli errori delle Campionesse d’Europa, avvicinandosi con Mingardi e Caracuta; l’Igor allunga e Millenium chiama time out sul 15-11 ma sono Chirichella e compagne a tenere in mano il parziale, 18-14. Brescia accorcia, 18-17. Vasileva sigla il 19-18, dentro Biganzoli su Rivero per rinforzare la ricezione e poi in vantaggio con con Segura, 19-20.
Rientra Rivero su Biganzoli e Saccomani sostituisce Caracuta per alzare il muro, la segna il 21-23. Novara prova a recuperare ma un errore al servizio di Courtney regala il 22-25.

Nel secondo parziale è equilibrio sino al 13-13. Vletman porta in vantaggio la Banca Valsabbina, risponde Vasileva, 15-14. Alcuni errori di troppo permettono a Novara di allungare, Brescia recupera sul 17-17 e si porta in vantaggio, 19-20. Vasileva impatta e la schiacciatrice bulgara regala da lo strappo decisivo, 23-21. Mingardi suona la carica e Barbolini gioca la carta Napodano per Vasileva in battuta. Brescia rigioca e non contiene l’attacco punto di Novara che chiude, 25-22.

Nel terzo parziale le padrone di casa provano ad allungare, 13-10. Brescia non molla e risponde, portandosi in vantaggio con Mingardi, 15-16. L’Igor pareggia i conti e compie il controsorpasso con Gorecka, 19-17, e mantiene due lunghezze di vantaggio, 20-18, errore in attacco di Speech. Mazzola chiama tempo, la Banca Valsabbina si carica: resta in scia dell’Igor, pareggiando i conti con Rivero, dopo scambio prolungato, 21-21. Un ace di Segura regala il sorpasso, 21-23; Barbolini ferma il tempo, l’Igor ne approfitta per impattare con Vasileva, 23-23, ma nei due punti finali sale in cattedra Veltman. La centrale canadese regala in fast il primo set ball, e lo trasformando con un ace, dopo chiamata dal video check.

Nel quarto Brescia mette la freccia con Mingardi, 5-6. Novara reagisce ed infila un break di sei ad uno: Mazzola chiama tempo e getta nella mischia Bridi per Caracuta. Veltman trascina la Banca Valsabbina al 14-12; ancora Mingardi vive le speranze bresciane, 17-15, Millenium gioca la carta Jones Perry al posto di Rivero e Mazzoleni (al debutto in serie A1) per Speech. Brescia resta in scia, 20-19 con Bridi, ed un errore di Courtney regala il pareggio e Jones Perry il sorpasso, 20-21. L’Igor risorge infilando un break di tre punti ma due attacchi in diagonale di Mingardi griffano il pareggio, 23-23. Ai vantaggi Brescia annulla ben cinque palle set all’Igor ma Hangcock chiude 30-28.

Millenium parte aggressiva nel set corto, 1-3 Mingardi. Novara recupera con Chirichella, 6-5, ed un ace di Rivero regala il 7-8 per il cambio campo. Brescia allunga con un ace di Rivero, Segura sigla il 10-14, regalando quattro palle set alle Leonesse. Novara ne annulla tre e Mingardi trasforma il quarto, per il 13-15 ed il suo trentaseiesimo punto personale. Con questa vittoria la Banca Valsabbina sale a cinque punti in classifica.

Nel prossimo turno la Banca Valsabbina Brescia affronterà un’altra trasferta. Le Leonesse faranno visita, domenica 27 ottobre, all’Unet E-work delle ex Francesca Villani ed Haleigh Washington. Appuntamento al PalaYamamay di Busto Arsizio, ore 17.

Igor Gorgonzola Novara-Banca Valsabbina Brescia 2-3 (22-25, 25-22, 23-25, 30-28, 13-15)

Igor Gorgonzola Novara: Mlakar 1, Morello, Napodano (L), Courtney 3, Piacentini, Gorecka 8, Di Iulio 3, Chirichella 26, Sansonna (L), Hancock 4, Arrighetti, Vasileva 24, Veljkovic 11. All.: Barbolini.

Banca Valsabbina Brescia: Jones Perry 4, Rivero 11, Veltman 14, Speech 5, Saccomani, Mingardi 36, Parlangeli (L), Bridi 1, Biganzoli, Mazzoleni, Caracuta 3, Segura 10, Fiocco, Susio (L). All.: Mazzola.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome