Brescia, clonano la carta di credito della Polizia per rubare la benzina

0
Benzina Brescia
Benzina Brescia

Quattro giovani di origine moldava sono stati condannati per associazione a delinquere finalizzata alla clonazione di tessere carburante, danneggiamento, furto e utilizzo indebito di carte di pagamento.

La banda, con base a Brescia, avrebbe fatto numerosi rifornimenti di benzina in più province del nord Italia utilizzando le carte di credito di ignari automobilisti. Non solo, perchè i quattro avrebbero inoltre rubato il carburante da alcuni distributori per poi rivenderlo.

Almeno un centinaio i colpi messi a segno tra il 2017 e il 2018.

I quattro hanno però commesso un errore che li ha fatti ora finire agli arresti domiciliari: tra le molte carte clonate, infatti, una apparteneva ad una pattuglia della Polizia stradale di Verona. I poliziotti hanno subito iniziato a indagare e l’inchiesta li ha condotti a collaborare con i colleghi di Brescia. Le indagini hanno permesso di cogliere in flagranza di reato due dei quattro stranieri, beccati a piazzare il dispositivo per la clonazione delle carte in una delle colonnine per i pagamenti di un distributore di benzina.

Dai due i poliziotti sono risaliti al capo della banda, ai domiciliari per altri reati, ma impegnato a gestire il traffico illegale. L’uomo è stato condannato a quattro anni e dieci mesi. Gli altri membri della banda sono stati condannati a 2 anni e 8 mesi, 2 anni e 2 mesi e 2 anni.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome