Frasi razziste, leader di Forza Nuova espulso dallo stadio di Verona fino al 2030

0
Luca Castellini, foto da Twitter

Mentre in Comune c’è chi vorrebbe portare in giudizio Mario Balotelli, dalla società Hellas Verona arriva (finalmente) una notizia di tenore decisamente opposto.

Dopo le critiche arrivate anche dal Brescia Calcio per i commenti post partita troppo “timidi”, infatti, il Verona Calcio ha deciso di prendere un provvedimento di alto valore simbolico nei confronti di , leader di per il Nord Italia (in precedenza lo era stato anche di Brescia) e ultrà dell’Hellas.

Con una nota, infatti, la società ha deciso di vietargli l’ingresso allo stadio per i prossimi 11 anni. “Hellas Verona FC – si lògge – comunica di aver adottato nei confronti del Signor Luca Castellini una misura interdittiva che, proporzionata alla gravità dei fatti, alla luce di quanto previsto dagli artt. 6 e 7 del Codice Comportamentale, essendosi trattato di un comportamento basato su considerazioni ed espressioni gravemente contrarie a quelle che contraddistinguono i principi etici ed i valori del nostro Club, prevede la sospensione di gradimento nei confronti del Signor Luca Castellini da parte di Hellas Verona FC sino al 30 giugno 2030”.

Castellini, in numerose dichiarazioni rilasciate sui social e a mezzo stampa, aveva detto che “Balotelli non sarà mai italiano” e si era reso protagonista di dichiarazioni fortemente discriminatorie. Verona gli ha dato una punizione esemplare, facendo quello che la giustizia sportiva italiana non è ancora riuscita a mettere in pratica.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome