Politica, Fratelli d’Italia apre un nuovo circolo a Puegnago del Garda

0
Inaugurazione circolo Fratelli d'Italia a Puegnago del Garda, foto da ufficio stampa

Il trend di crescita nei consensi che Fratelli d’Italia sta collezionando (oltre 35mila voti a Brescia e provincia) prende sempre più forma anche nel Bresciano. E’ sulla sponda lombarda del Lago di Garda, precisamente a Puegnago, che il partito guidato da Giorgia Meloni apre una nuova base operativa.

A coordinare l’attività del circolo sarà Cristiano Antonioli, più volte consigliere comunale, che la scorsa primavera ha pilotato la candidatura a Sindaco di Maurizio Rubessa, poi eletto consigliere.

“Il Partito è in continua crescita e l’apertura di un nuovo circolo, che nasce da esigenze del territorio non per imposizioni dall’alto, ne è la più bella rappresentazione. Ho conosciuto il gruppo di Puegnago: persone dinamiche che porteranno avanti con entusiasmo e coerenza la linea politica di Fratelli d’Italia in quella che rappresenta una delle aree di eccellenza turistica della Provincia bresciana” afferma , Coordinatore Provinciale, in un comunicato stampa e gli fa eco il Capodelegazione al Parlamento Europeo Carlo Fidanza: “Le sedi territoriali, e quindi anche Puegnago, sono il punto di riferimento importante per cittadini e militanti, ma anche un tramite tra Comuni e le Istituzioni internazionali, un efficace collegamento per portare all’attenzione dei tavoli anche europei istanze e problematiche. Nel caso specifico, ad esempio, la tutela di un immenso patrimonio culturale, ambientale, turistico ed economico come il Garda”.

Una nuova sfida, ma che Antonioli ed il gruppo di lavoro che ha riunito abbraccia con entusiasmo: “Ringrazio per la fiducia riposta in me ed in coloro che stanno aderendo al nostro progetto: siamo tutti desiderosi di dimostrare, con serità ed impegno, che Puegnago ed il Garda in genere, necessitano e meritano grande attenzione da parte delle istituzioni perchè sicurezza, lavoro e ambiente siano sempre temi targati Garda bresciano”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome