Vigili del fuoco, gravi carenze d’organico anche a Brescia: è sciopero

0
vigili del fuoco
vigili del fuoco

Gli organici sono insufficienti, soprattutto a Brescia. Le risorse per il rinnovo del contratto nella Finanziaria latitano e delle misure promesse per garantire l’incolumità degli operatori non c’è traccia nonostante l’urgenza del problema. Per questo i di tutta Italia – leonessa compresa – hanno deciso di proclamare quattro giornate di sciopero nazionale.

Giovedì 21 novembre 2019 (ore 16-20), lunedì 2 dicembre 2019 (ore 10-14), giovedì 12 dicembre 2019 (ore 16-20) e sabato 21 dicembre 2019 (dalle 10 alle 14), i Vigili del fuoco garantiranno soltanto gli interventi urgenti e di particolare rilevanza.

Riguardo alla situazione dei cinque presìdi bresciani (Brescia Centrale, Montichiari Aeroporto, Darfo, Salò e Gardone Val Trompia), i segretari generali Renato D’Angerio (FNS CISL), Fabrizio Giardina (CGIL FP VVF) e Marco Grimaldi (UIL PA VVF) denunciano in particolare la grave carenza di organico; fondi insufficienti per la manutenzione degli automezzi (alcuni dei quali hanno più di 18 anni) e fondi inadeguati per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle sedi di servizio.

Al Comando VVF di Brescia, rispetto alla pianta organica del prevista nel 2017, mancano 26 vigili del fuoco su 220 (12% in meno), 24 capi squadra su 206 (26%), 22 impiegati su 44 (50%) e 21 funzionari su 26 (81%). “Per far fronte a queste carenze – si legge in una nota – circa due anni fa, ai distaccamenti di Darfo, Salò, e Gardone VT il Comando ha dovuto ridurre la squadra di soccorso da 6 a 5 unita, mentre in sede centrale, a volte, si è costretti a ridurre le squadre di supporto (automezzi speciali)”.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome