Canali tv pirata, stretta della Guardia di Finanza sugli utenti

0
Fiamme Gialle a Brescia
Guardia di Finanza a Brescia

Sarà conclusa entro la fine del mese di gennaio 2020 la seconda fase dell’indagine che la Guardia di Finanza ha condotto sulla pirateria televisiva e sull’utilizzo illecito di canali a pagamento per guardare film, serie tv e partite di calcio.

Dopo aver smantellato le piattaforme, i software e pure l’organizzazione criminale che permetteva di guardare i canali a pagamento illecitamente, ora le Fiamme Gialle potranno occuparsi degli utenti che hanno illegalmente aderito alle proposte, pagando a prezzi molto ridotti il servizio e quindi consci di usufruire di un canale di vendita non legale.

Gli utenti coinvolti nella rete rischiano una pena di reclusione da 6 mesi a 3 anni e una sanzione che può arrivare sino a 25 mila euro.

Come chiarisce Bresciaoggi, l’attività illecita ha creato un enorme danno collaterale all’economia del settore, portando 6 mila lavoratori a perdere il proprio posto di lavoro.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome