Ferrovie, Carzeri “interroga” l’Ad di Rfi: ecco gli interventi in corso

0
Claudia Carzeri e Maurizio Gentile, foto da ufficio stampa

Nelle scorse ore il consigliere regionale bresciano Claudia Carzeri e la commissione da lei presieduta hanno ascoltato Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana, per avere chiarimenti sugli interventi delle linee lombarde.

“La nostra Regione – spiega Carzeri in una nota – ha un ruolo centrale nel sistema ferroviario nazionale, è snodo commerciale e turistico e muove, giornalmente, milioni di pendolari per cui i tanti disagi sulle linee devono essere quanto prima risolti. Abbiamo chiesto anche una forte attenzione ai temi di manutenzione, elemento essenziale per garantire la sicurezza dei nostri cittadini e per evitare che situazioni come quella di Pioltello si ripetano”.

“Ho chiesto maggiori chiarimenti legati alle tratte e linee di pertinenza della nostra Provincia e di collegamento con i principali snodi anche extraregionali – si legge ancora – Per quanto riguarda gli interventi realizzati e in via di definizione per quest’anno (2019) nella linea Milano- Brescia, una delle più frequentate dai nostri pendolari, sono stati rinnovati circa 80 km di binari nella tratta Romano-Brescia, è stata attuata la prima fase della Easy station a Romano e sono  stati rinnovati i deviatoi nella stazione di Rovato. Importanti anche gli interventi di incremento tecnologico attuati, tra cui rientra l’attivazione del nuovo Apparato Centrale Computerizzato (ACC) situato nello scalo di Melzo, in continuità con l’attivazione dell’ACC della stazione di Brescia Est”.

“Ho voluto conoscere anche gli interventi programmati per il prossimo anno sulle nostre linee e le tempistiche di realizzazione – continua Carzeri – 22 deviatoi nelle stazioni di Treviglio e Rovato verranno rinnovati entro il primo semestre dell’anno prossimo, ed entro settembre 2020 verranno rinnovati 22 km di binari nella tratta Treviglio-Romano. In questo modo si cercherà di ridurre il numero di guasti delle infrastrutture che causano spesso eccessivi ritardi o, addirittura, cancellazioni di alcune corse”.

Sempre nel periodo estivo, precisamente a giugno, “verranno posti in essere interventi di velocizzazione del rango C, portandolo a raggiungere e sostenere i 250 km/h. L’alta velocità Verona- Milano, infatti, ci è stato riferito che verrà conclusa entro il 2025  e questo è uno degli interventi posti in essere per il raggiungimento di questo obiettivo”.

Nei mesi di giugno-luglio “verrà inoltre completata l’attivazione dell’ACC nella trattata Romano-Brescia est , con l’inserimento di un nuovo blocco automatico che limiterà alcuni disagi attualmente verificati e nel mese di dicembre 2020 si realizzerà un ulteriore impianto computerizzato nella nostra linea. Per quanto attiene alla sicurezza, risultano stanziati i fondi per la manutenzione straordinaria del Ponte Oglio da realizzarsi nella seconda metà del prossimo anno. Ho già richiesto formalmente che questo non sia l’unico intervento di manutenzione sulla nostra linea, che necessita una particolare attenzione visto il traffico intenso che attraversa quotidianamente i nostri binari”.

“Sono soddisfatta – conclude l’esponente di Forza Italia – dell’attenzione posta nei confronti della riduzione del traffico delle merci su strada che, sempre più, si devono trasportare via ferro. Dai dati forniti questa mattina si pensa che nel 2050 avremo il 50% dei trasporti con treni merce, così’ progressivamente riducendo il traffico stradale. Questi interventi sono particolarmente onerosi e delicati, per cui non è possibile intervenire massivamente ma solo a piccoli step”.

“Questo – conclude Carzeri  è solo l’inizio di una serie di incontri dettagliati che voglio portare avanti in qualità di Presidente della Commissione, anche prevedendo l’istituzione di un tavolo tecnico, sia con RFI che con Trenord e l’assessore Terzi , per affrontare e monitorare i singoli interventi così garantendo un controllo capillare del servizio. Sappiamo bene che i disagi dei pendolari sono molteplici e continui e che questi interventi allevieranno leggermente le problematicità nel medio lungo tempo. Per questo motivo abbiamo interrogato l’AD affinchè ci desse riscontro delle azioni poste in essere al fine di limitare tali criticità nel brevissimo tempo”.

Due le proposte che ritengo un valido punto di partenza e che mi preme puntualizzare: “da un lato la previsione di un alleggerimento dello snodo di Milano Centrale, attualmente eccessivamente trafficato e   causa di forti ritardi, realizzabile sfruttando, per quanto possibile, le stazioni di Milano Lambrate e Garibaldi, in attesa della disposizione di nuovi binari. Per quanto riguarda la nostra stazione bresciana, invece, è stato deciso che la programmazione dei lavori sui binari si debba interrompere nelle ore più “calde” , soprattutto quelle della prima mattina e del tardo pomeriggio, così limitando i disagi ed i ritardi”.

“Monitoreremo, anche grazie al supporto dell’associazione pendolari di Brescia, la situazione sulla nostra tratta attivandoci per avere i riscontri necessari sia con Trenord che con RFI”, conclude il Presidente forzista.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome