Roè Volciano piange Egidio Pennella, l’uomo che sconfisse il terremoto

0
Egidio Pennella, Roè Volciano in lutto

Roè Volciano piange Egidio Pennella, classe 1952, scomparso nelle scorse a causa di una malattia dopo aver “sconfitto” miracolosamente anche il tragico terremoto che nel 1980 devastò l’Irpinia.

I si svolgeranno mercoledì 4 dicembre, alle 14.30, nella Chiesa Parrocchiale di San Pietro in Roè Volciano con partenza dalla Casa del Commiato in via G. Marconi,2 sempre a Roè Volciano. E saranno in molti a volergli dare l’ultimo saluto.

Egidio Pennella era nato di Morra De Sanctis, nel profondo entroterra dell’Appennino avellinese. Una terra dura, che nel novembre del 1980 fu decimata da un tragico terremoto che provocò quasi 3mila morti. Allora il Destino gli concesse l’incredibile, quando lui e sua figlia vennero estratti da quella palazzina demolita dalla furia della Natura, i soli superstiti di quella prigione di macerie. Il riscatto e la voglia di lottare per la vita lo portarono a Roè Volciano nel lontano 1982 con la moglie Antonella e le cinque figlie, che qui a Brescia studiarono e si laurearono.

La famiglia ringrazia il Professor Bonardelli e il Reparto di Chirurgia Vascolare e quelli di Rianimazione, di Infettivologia, tutti degli Spedali Civili di Brescia.

 

IL RICORDO DELLA MOGLIE

Caro Amore La nostra è stata una unione difficile ma vincente. Abbiamo tenuto duro contro le difficoltà culturali, quotidiane ed economiche. Vivi in me e nelle nostre figlie assieme ai nostri dolcissimi nipoti Rebecca, Lorenzo ed Elia. Il nostro amore, seppur tormentato dalla vita rimarrà per sempre scolpito nella roccia dei ricordi più belli. Ai nostri figli abbiamo voluto tramandare i sacri valori della famiglia nella certezza di essere per la giusta via. Il tuo lavoro è stato impegno civile verso il prossimo che spesso nel loro bisogno alle avversità della vita hanno trovato tangibili risposte e conforto personale. Il nostro non è un addio ma soltanto un arrivederci…
Roè Volciano lì 3.dicembre.2019
Antonella Dott.ssa Papotti

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome