Genesis e progressive rock per i bambini dell’Ospedale Civile

Gli Opossum, storica band bresciana, saranno nuovamente in concerto per sostenere il reparto di Onco-Ematologia Pediatrica degli Spedali Civili di Brescia

0
Un bambino ricoverato in una struttura ospedaliera
Un bambino ricoverato in una struttura ospedaliera

Si esibiranno sabato 1 Febbraio all’Auditorium G. Gaber di Castel Mella (BS), gli “Opossum”, storica e conosciuta band bresciana nata nel 1974. L’obiettivo è sostenere ABE, l’Associazione Bambino Emopatico che collabora da più di trent’anni con il Reparto di Onco-Ematologia Pediatrica e Centro Trapianti Midollo Osseo degli di Brescia.

Gli “Opossum” di oggi (in ordine alfabetico) sono: Marco Belardi (sax), Bruno Caffieri (batteria), Andrea Camera (tastiere), Mario Camera (chitarra e voce), AntonGionata Ferrari (basso), Andrea Zanella (tastiere e voce) Camillo Zola (voce e percussioni). Light Engineer Francesco Bresciani, Sound Designer Toto D’Adda.

Negli anni si è modificata la composizione del gruppo, ma la band cardine è quella di sempre. Tutti bresciani, tutti nati nei primi anni ’60, uniti dalla stessa passione o più semplicemente insieme per vicinanza di cortile, per la stessa scuola, lo stesso oratorio, tutti hanno condiviso per anni lo stesso sogno, quello di ogni band: sfondare, diventare qualcuno nell’intricato mondo della discografia.

Una band che ha riscosso simpatia per circa un decennio, forse per il nome, forse per il modo semplice di porsi, dai primi timidi del 1975, all’epoca c’erano Bruno Bernoni (chitarra) e Andrea Forzi (tastiere), a cui posi si sono aggiunti Andrea Zanella (tastiere) e Mario Camera (Chitarra), passando attraverso concorsi come “Deskomusic”, fino a toccare da vicino il successo nella finale nazionale di “Centocittà” di Caorle nel 1980, con un brano originale.

Di forte impatto erano i loro concerti, dei veri e propri eventi; come le band più affermate di quel periodo, c’erano effetti visivi, luci, scenografie e suoni curati nei minimi particolari, per questa ragione sono stati sicuramente tra le prime band locali ad avvalersi di un proprio staff tecnico che li seguiva in ogni evento, così da assicurare una qualità live ottimale.

Gli Opossum si esibiranno con un programma molto impegnativo, un concerto-tributo dedicato soprattutto ai Genesis, ma con qualche brano anche dei Pink Floyd. In un unico show scenografico la band bresciana eseguirà i brani più conosciuti del gruppo musicale britannico (progressive rock band tra le più importanti ed innovative della storia del rock) tra cui “Turn it on again”, “Firth of Fifth”, “Supper’s ready”, senza mancare di celebrare anche il leader più carismatico del gruppo inglese, Peter Gabriel, con alcuni brani, come “Solsbury Hill”.

L’incasso dalla vendita dei biglietti sarà interamente devoluto all’Associazione Bambino Emopatico di Brescia, fondata nel 1981 da un gruppo di genitori di affetti da leucemia con lo scopo di rendere ottimale il trattamento medico e sostenere psicologicamente e socialmente i e le loro famiglie durante il periodo di cura. L’obiettivo di ABE è quello di rispondere a molteplici bisogni, come quelli medici, psicologici, sociali, e di migliorare la qualità di vita di chi si trova ad affrontare la malattia e la degenza.

—-

Il concerto “Opossum Genesis Tribute” è patrocinato dal Comune di Castel Mella (BS).

Prevendite: 333.4612599 – 347.0400858 oppure presso la Birreria La Pulce, Via N.Tartaglia a Brescia.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome