Brescia, dopo la bonifica dal Pcb riapre il parco Parenzo

Il costo dell’opera ammonta a 532.497 euro (iva esclusa), 49.191 dei quali per gli oneri della sicurezza.

0
Parco Parenzo di Brescia, foto da Google Maps

Riaprirà giovedì 23 gennaio il parco Parenzo sud-ovest, interessato negli scorsi mesi da un importante intervento di bonifica ambientale e di ripristino, per una superficie totale di circa 5.300 metri quadrati. L’opera, realizzata dall’impresa General Smontaggi Spa tra il 19 novembre 2018 e il 16 ottobre 2019, ha ricevuto la certificazione di completamento da parte della Provincia di Brescia il 20 gennaio scorso.

Per effettuare le bonifiche è stato asportato il terreno originario e ne è stato interrato uno idoneo, come previsto dal progetto operativo di bonifica approvato dal responsabile del Settore Protezione Ambientale e Protezione Civile.

L’area del parco è stata suddivisa in nove maglie e lo scavo ha interessato i primi 50 centimetri dal piano di campagna, profondità alla quale è stata fatta la verifica del raggiungimento degli obiettivi di bonifica definiti dall’Analisi del Rischio.

Durante gli scavi, per mitigare la produzione di polveri, il luogo d’intervento è stato recintato con pannelli ciechi alti due metri, sono stati utilizzati dei vaporizzatori ed è stata inoltre monitorata la qualità dell’aria.

Conclusa la bonifica, all’interno del parco sono stati realizzati vialetti pedonali in calcestruzzo con finitura in ghiaietto lavato, illuminati con luci a led. È stata inoltre costruita una piastra multifunzionale di forma ellittica, con canestri per il minibasket e con una porta da calcio. Lungo tutti i percorsi sono state collocate panchine e tavoli.

I cinque gelsi (Morus nigra) già presenti nel parco sono stati mantenuti, sono stati posati altri 30 nuovi alberi di diverse essenze (Prunus pissardi nigra, Tilia cordata euclora, Platanus acerifolia, Morus nigra, Liriodendron tulipifera) e alcuni arbusti.

Il costo dell’opera ammonta a 532.497 euro (iva esclusa), 49.191 dei quali per gli oneri della sicurezza.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome