Piazza Loggia in copertina, Brescia è in edicola con DOVE

La Leonessa d’Italia è protagonista del dossier interamente dedicato alla città e alla provincia bresciana, in edicola col numero di febbraio del mensile DOVE

0
Piazza Loggia, foto Rossella Papale per BsNews.it
Piazza Loggia, foto Rossella Papale per BsNews.it

Da oggi Brescia dà appuntamento ai lettori nelle edicole di tutto lo Stivale.

La Leonessa d’Italia è infatti protagonista del dossier di 68 pagine interamente dedicato alla città e alla provincia bresciana, in edicola col numero 2 di febbraio del mensile DOVE, la più autorevole rivista italiana dedicata al mondo dei e degli itinerari in Italia e nel mondo.

Dai siti archeologici all’arte contemporanea delle gallerie locali, i grandi in calendario per l’anno in corso, la riconversione di siti industriali in poli creativi, sino a giungere alla cultura enogastronomica e alle numerose attività sportive, e non solo, che è possibile praticare attraverso tutto il territorio. Il tutto sullo sfondo di scorci cittadini, dei quartieri storici, dei paesaggi lacustri, delle colline di Franciacorta, delle valli e delle vette delle montagne bresciane.

La copertina, con l’immagine a piena pagina di Piazza della Loggia e del suo orologio prospetticamente immortalati dal lato dei portici di Palazzo Loggia, mette subito in evidenza la compresenza di “tesori antichi e spazi contemporanei, arte, musica, food e grandi eventi”, unitamente ad attività come “trekking, bici, sci, vela: natura da vivere dal Lago di Garda alla Valle Camonica”. All’interno, non mancano inoltre i consigli su dove mangiare, dove pernottare e cosa visitare, oltre ad una sezione dedicata al business, con i due poli fieristici di Brescia e Montichiari.

Un traguardo che è stato reso possibile grazie al fondamentale contributo del Comune di Brescia in collaborazione con , nelle azioni di supporto allo staff di giornalisti e fotografi del noto mensile del gruppo Rcs. Comune e DMO bresciana hanno fornito indicazioni, coordinato e segnalato gli argomenti di interesse e gli eventi da non perdere.

Simona Tedesco, direttrice responsabile di Dove intervenuta in città, a Mo.Ca., nella serata di presentazione del 22 gennaio, ha sottolineato: “Brescia? Una meta perfetta per iniziare il 2020 all’insegna dell’undertourism, alla ricerca di centri italiani capaci di svelare tesori di straordinaria bellezza e importanza, ma trascurate da masse di turisti intruppate nei soliti tour. Abbiamo voluto narrare una città che include il passato, ma guarda con energia a un futuro d’innovazione, multietnico e di integrazione sociale. Ecco, per capire il nostro Paese è bene cominciare da qui, da Brescia”.

E proprio dalle diverse declinazioni del territorio bresciano ha tratto avvio il saluto del Sindaco , secondo cui: “Brescia era già nota per il suo spirito pragmatico e imprenditoriale, ora vogliamo farla conoscere tramite le sue bellezze. La nostra scommessa era di far innamorare nuovamente i bresciani della loro città, e la cultura è stata la chiave della trasformazione in atto”.

, Vicesindaco e Assessore alla cultura ha sottolineato come: “Stiamo vivendo una fase di crescita del , ed è il frutto del lavoro condotto da questa amministrazione negli ultimi sei anni. Filo conduttore del dossier dedicato a Brescia e alla sua provincia è il ritorno della Vittoria Alata che rappresenterà sicuramente un nuovo capitolo della nostra vita culturale”.

Parole riprese dal Presidente di Visit Brescia, Marco Polettini: “Si tratta di un traguardo fondamentale per la valorizzazione della nostra offerta e del territorio. Quando ci chiediamo cosa serve per promuoverci come metà turistica, ecco, ricordiamoci che le risposte le abbiamo qua con noi, sul territorio. Con questo lavoro è nata una nuova consapevolezza: possiamo dare molte risposte anche alle generazioni future, e dare voce alle nostre ricchezze è il fondamentale punto di partenza”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome